Spianata Castelletto, una realtà che fa sognare

DSC01432Si dice che Genova sia da vedere col naso all’insù, forse perché le vie sono strette, o perché i palazzi ospitano decori inaspettati, o ancora per le centinaia di edicole poste agli angoli dei palazzi. Ma c’è un altro modo nel quale bisognerebbe guardare la città: dall’alto. Se per farlo non ci si vuole spingere fin sulle meravigliose alture che coronano la città, è sufficiente, anzi, necessario, recarsi al bel vedere di Spianata Castelletto.
DSC01433Questo luogo si po’ raggiungere in modi differenti, seguendo le strade urbane, oppure risalendo le caratteristiche creuze e scalinate nascose, ma di sicuro il modo più peculiare e semplice per raggiungere il piazzale è l’ascensore.  Lo stesso di cui scrisse il poeta Giorgio Caproni (“Quando mi sarò deciso d’andarci, in paradiso ci andrò con l’ascensore di Castelletto”).
DSC01411Spianata Castelletto permette di accarezzare con lo sguardo ogni spigolo cittadino, di scoprire ogni luccichio del mare che rispecchia un angolo di cielo.  Vedere in questo modo la città ti permette di sognarla, ti fa desiderare di esserne parte e viverla in pieno, in ogni suo caratteristico dettaglio, ma anche in ogni aspetto fresco e nuovo. Guardare il paesaggio genovese ti fa venir voglia di farlo per sempre tuo e non lascialo andare più. Si può cercare di chiudere gli occhi per intrappolare le immagini catturate sotto le palpebre e portale con se per sempre.ihhjkjh DSC01437 DSC01436DSC01430 DSC01427 DSC01423 DSC01417 DSC01415DSC01408

Testo e foto di Michela Ciarapica

I commenti sono chiusi.