La ferrovia a cremagliera Principe-Granarolo

11667413_10205748709134907_7578395111251740273_n-FILEminimizerSi sa, Genova è un sali scendi continuo, ci si sposta per strade, attraverso vicoli o per creuze, ma ci sono altri modi particolari per viaggiare nella città: ascensori e funicolari sono mezzi di trasporto veloci, quasi affini alla poetica futurista, ma in realtà permettono di vedere il paesaggio in modo romantico. La ferrovia a cremagliera che corre da Principe a Granarolo è uno tra i percorsi più suggestivi che offre la città, che metro dopo metro svela scorci cittadini che incantano. Non si tratta di una funicolare, la cremagliera è una vera e propria ferrovia, composta però da tre rotaie, una delle quali è dentata, come la ruota che vi passa sopra, l’incastro dei denti permette al mezzo di inerpicarsi lungo la salita.

Sparse per l’Italia vi erano molte cremagliere, e quella genovese, nata nel 1901 è una delle ultime rimaste. Collega via Lagaccio, che si trova sopra la stazione di Genova Principe, con la salita Superiore Granarolo. Salendo sulla storica vetturina rossa, e accomodandosi sui sedili in legno, sembra di venir proiettati indietro nel tempo, sensazione che aumenta quando si scende nella particolare stazione del capolinea a Granarolo costruita in stile Liberty. Una volta scesi lo sguardo inizia a correre lungo il paesaggio che svela la città di Genova e il suo golfo blu. 

Vale la pena compiere questo tragitto per la possibilità di godersi il panorama, ma anche il paesino di Granarolo è una chicca tutta da scoprire. interior-of-car-FILEminimizer 148746_10205748717575118_4762958254654912341_n (FILEminimizer)

 

Testo di Michela Ciarapica

Foto di Marco Pelizza

Precedente La Basilica di San Siro, un gigante nascosto. Successivo Il Chiostro di Sant'Andrea